English Fields Collection Jo Malone

English Fields Collection Jo Malone

Agli inizi di marzo, Jo Malone ha lanciato sul mercato una nuova collezione  di cinque colonie in edizione limitata: la collezione English Fields. Si tratta di una linea di profumi ideata dalla profumiera Mathilde Bijaoui ed è ispirata ai campi inglesi. Infatti l’elemento di base delle cinque fragranze è il cereale, combinato con altri elementi naturali.

Le cinque colonie che compongono la linea sono:

  • Oat & Cornflower
  • Honey & Crocus
  • Primrose & Rye
  • Green Wheat & Meadowseet
  • Poppy & Barley

Ma vediamole nel dettaglio.

English Fields Collection: Oat & Cornflower

“L’avena appena colta nei campi, perfetta per una colazione romantica. Calda e deliziosa. Animata dal blu vivace dei fiordalisi e da un pizzico di nocciola. Completata da una base elegante di vetiver. Golosa. Calde. Sensuale.”

È stata la prima delle cinque fragranze ad essere creata. Presenta come nota di testa il fiordaliso che conferisce un tocco floreale alla colonia, come nota di cuore l’avena, che dona consistenza alla fragranza e infine come nota di fondo il vetiver che intensifica il profumo.

English Fields Collection: Honey & Crocus

“Il miele che fa venire l’acquolina in bocca, appena estratto dall’alveare. Miscelato con il bocciolo della lavanda inglese. Addolcito da un goccio di latte di mandorle. Ricca. Calmante. Deliziosa.”

Questa è la fragranza primaverile per eccellenza grazie alla presenza del crocus, nota di cuore della colonia. Insieme a questo fiore primaverile la fragranza è composta da lavanda e miele, rispettivamente nota di testa e fondo del profumo.

English Fields Collection: Primrose & Rye

“Colline cosparse di primule. Che oscillano dolcemente mosse dalla brezza primaverile. Riscaldata dal granoturco dorato. Ravvivata dalla mimosa. Costruita su una base di segale e vaniglia. Piena di luce. Intensa. Raggiante. Coinvolgente.”

A mio parere, con questa colonia ci spostiamo verso l’estate. La nota di testa è il granoturco che la scalda e la ammorbidisce, la nota di cuore è la primula e la nota di fondo è la segale, che dona un tocco affumicato e legnoso al profumo.

English Fields Collection: Green Wheat & Meadowseet

“Un prato inglese all’alba, pieno dei riflessi della primavera. Cosparso di grano acerbo. Croccante e fresca. Bilanciata da un pizzico di pompelmo. Mescolata alle note soffici e bianche dell’olmaria.”

È il profumo più fresco della linea. La nota di testa della colonia è il grano verde che conferisce una nota croccante e acerba al profumo, la nota di cuore è l’olmaria che dona un aroma fresco, fiorito, leggermente aromatico e speziato e infine la nota di fondo è il vetiver che intensifica la fragranza.

English Fields Collection: Poppy & Barley

“Ricca di papaveri rossi che danzano nel vento. Violette dense di colore. Fruttata dalle note di ribes nero. Ammorbidita dall’orzo e dalla crusca di avena. Addolcita dalle note cipriate del muschio bianco. Vivace. Allegra. Invitante.”

La nota di testa è il ribes nero, reso più fresco dalla presenza del papavero, la nota di cuore. Infine è presente l’orzo, la nota di fondo della colonia.

English Fields Collection: conlusione

Concludendo, le cinque colonie sono disponibili per un periodo di tempo limitato negli store Jo Malone e sull’e-commerce a un costo di 56€ ciascuna.

Voi avete mai provato un profumo Jo Malone? Fatemi sapere nei commenti!

Follow:
Le immagini sono state prese dal sito di Jo Malone

Glow Mud Cleanser Pixi Beauty: cosa ne penso?

Glow Mud Cleanser Pixi Beauty: cosa ne penso?

Durante questo inverno, i prodotti Pixi Beauty hanno fatto il loro ingresso da Sephora. Quelli che sono arrivati nei nostri store appartengono alla categoria skincare, ma il brand include anche prodotti makeup.

La mia skincare invernale ha avuto come protagonisti proprio i prodotti Pixi, in particolare quelli inclusi nel cofanetto Best of Bright. Esso contiene tre prodotti: Glow Mud Cleanser, un detergente illuminante; Glow Mud Mask, una maschera illuminante; Glow Tonic, il tanto decantato tonico esfoliante e illuminante che ero estremamente curiosa di provare.

Il prodotto di cui vi parlerò oggi è il detergente illuminante, Glow Mud Cleanser. Per il momento è reperibile solo da Sephora nel cofanetto Best of Bright a un costo di 22,90 €.

Glow Mud Cleanser Pixi Beauty

Il Glow Mud Cleanser è un detergente adatto a tutti i tipi di pelle. Ha un’azione esfoliante, rimuove le cellule morte della pelle per renderla più radiosa e sana. Si presenta in un color fango e ha un odore a mio parere chimico. Per ottenere un risultato concreto bisogna usare il detergente due volte al giorno, mattina e sera, evitando il contorno occhi.

Glow Mud Cleanser: cosa ne penso?

È ormai più di un mese che uso quotidianamente questo detergente. Nonostante si presenti come minitaglia da 15 ml dura davvero tanto, perchè la quantità che serve è minima. Inoltre le sue dimensioni contenute fanno si che si possa tranquillamente trasportare in valigia (anche per viaggi in aereo). Non so voi, ma il detergente viso è sempre stato il prodotto occupante più spazio in valigia! La consistenza del detergente è morbida, quasi cremosa, quindi è facile lavorarlo sulla pelle. Ma passiamo alle mie considerazioni.

Dopo l’uso di questo detergente la mia pelle è soffice al tatto, liscia e morbida. I rossori cutanei sono attenuati insieme al grigiore che la pelle assume inevitabilmente durante i periodi invernali e a causa dello smog. L’azione esfoliante non è aggressiva ma impercettibile, infatti il detergente non contiene granelli che si percepiscono al tatto. Grazie a questa esfoliazione delicata la pelle risulta luminosa ma non irritata o arrossata.

Concludendo, consiglio questo detergente soprattutto durante il periodo freddo, quando la pelle ha bisogno di un aiuto in più per essere luminosa e sana.

Voi avete provato qualche prodotto Pixi Beauty? Discutiamone nei commenti!

Follow:

Firenze: cosa vedere in 4 giorni

Firenze: cosa vedere in 4 giorni

Questo inverno ho organizzato insieme ad una delle mie più care amiche una piccola (ma intensa) fuga culturale con destinazione Firenze. Abbiamo scelto di partire durante l’ultima settimana di febbraio per 4 giorni, dal 23 al 26 del mese. 4 giorni possono sembrare pochi ma vi assicuro che sono sufficienti per visitare i principali siti culturali della capitale toscana (con un po’ di organizzazione pre-partenza).

Abbiamo soggiornato presso l’Hotel Ariele situato in una posizione strategica, a pochi passi dal centro e vicinissimo alla stazione di Santa Maria Novella.

PRIMO GIORNO A FIRENZE

Dopo circa tre ore di viaggio siamo finalmente arrivate a Firenze e ad attenderci abbiamo trovato pioggia e vento gelido: non male per il primo giorno!

Per il primo giorno a Firenze abbiamo programmato un giro esplorativo della città per tenere a mente la posizione esatta dei siti culturali, insieme agli interni di Palazzo Vecchio. Firenze ha un vantaggio: tutti i luoghi di interesse di trovano nel centro storico e per raggiungerli basta muoversi tra i vari vicoletti. (il che è più facile a dirsi che a farsi dal momento che è semplicissimo perdersi, ho perso il conto delle volte in cui mi è capitato!)

Gli interni di Palazzo Vecchio

All’entrata di Palazzo Vecchio si trova il primo cortile dove sono situati la biglietteria e il deposito oggetti personali. Attraverso le scale si accede alle sale interne del palazzo, partendo dal Salone dei 500. Seguendo un percorso lineare si attraversano le sale de I Medici. Salendo poi al piano superiore è possibile visitare le restanti sale fra cui la mia preferita, la Sala degli Elementi. Finita la visita a Palazzo Vecchio, una bella e lunga passeggiata lungo l’Arno che di sera offre uno spettacolo mozzafiato: tutto è pieno di lucine, super romantico!

Ora di cena: un mega crostone condito con salsiccia e stracchino. Se mai avrete la possibilità o l’intenzione di visitare Firenze, assaggiate la carne e gli affettati. Si sciolgono in bocca!

SECONDO GIORNO A FIRENZE

Visita alla Basilica di Santa Maria Novella

Anche il secondo giorno a Firenze ha previsto sveglia presto. (ovviamente non presto come il primo giorno!) Dopo aver fatto colazione in hotel siamo partite subito in direzione centro storico per visitare la Basilica di Santa Maria Novella. Sabato il tempo è stato più che decente (addirittuta soleggiato!) e ciò mi ha permesso di scattare finalmente qualche foto! Al suo interno, la Basilica di Santa Maria Novella offre, oltre alla chiesa in sè, chiostri a dir poco meravigliosi, insieme a sale decorate con affreschi. Il refettorio è stato adibito a museo contenente reliquie di vario genere.

BASILICA DI SANTA MARIA NOVELLA FIRENZE

Visita alla Biblioteca Nazionale

Terminata la visita alla Basilica di Santa Maria Novella, corsa lungo l’Arno per il giro alla Biblioteca Nazionale. Essa, oltre ad essere luogo di studio, offre anche la possibilità di una visita. Ogni sabato infatti alle 11:30 è possibile visitare la biblioteca in compagnia di una guida che illustrerà tutte le zone del posto, anche quelle di norma non accessibili al pubblico.

Visita alla Basilica di Santa Croce

Avendo avuto un po’ di tempo prima di pranzo, abbiamo approfittato per visitare anche l’interno della Basilica di Santa Croce, dove oltre alla chiesa in sè (che a mio parere è la più bella fra tutte quelle che ho visitato) sono conservate sculture dedicate ai più noti personaggi del passato del mondo della letteratura, scienza… e anche alcuni quadri.

Dopo tante ore passate in piedi, finalmente ora di pranzo! Poichè nel pomeriggio avevamo prenotata la visita alla Galleria dell’Accademia, abbiamo deciso di mangiare una cosa veloce. Un altro piatto tipico di Firenze è la cosiddetta schiacciata: una focaccia croccante condita con ingredienti a scelta. (solitamente) Abbiamo optato quindi per una schiacciata da SchiacciaVino, nei pressi di Piazza Santa Croce.

Visita alla Galleria dell’Accademia

Finito di mangiare ci siamo recate direttamente presso la Galleria dell’Accademia, un altro sito culturale davvero intenso. Qui è possibile ammirare una delle sculture più importanti di Michelangelo: il David.

Per la cena abbiamo optato per una variante non italiana: abbiamo infatti mangiato un hamburger enorme all’Hard Rock, un edificio immenso che non si limita al cibo, ma è anche un negozio che permettel’acquisto di gadgets tipici del brand.

Secondo giorno terminato: ormai la stanchezza inizia a farsi sentire!

TERZO GIORNO A FIRENZE

Visita a Palazzo Pitti

Il nostro terzo giorno a Firenze ha previsto, per il mattino, la visita a Palazzo Pitti. Non riesco ad esprimere il fascino che provo nei confronti di questo palazzo! Esso è costituito da innumerevoli sale culturali decorate con quadri fra cui figurano quelli di Tiziano, Caravaggio o Botticelli. Terminate le sale si passa alla visita degli Appartamenti Reali, estremamente sontuosi. Ma la parte migliore (a mio parere) arriva con la Galleria della Moda: qui sono conservati vestiti di ogni tessuto, forma o brand. Una coccola essenziale per tutti gli appassionati di moda! Purtroppo non abbiamo avuto altro tempo per visitare le restanti sezioni del Pitti poichè nel pomeriggio avevamo in programma gli Uffizi. Quindi se avete intenzione di visitare Palazzo Pitti ritagliate una buona parte del vostro tempo per farlo perchè occorrono ore!

Per pranzo ci siamo fermate in un bar/gelateria nei pressi dell’Arno e nella zona degli Uffizi e proprio durante questa pausa i primi fiocchi di neve hanno iniziato a cadere su Firenze. Purtroppo si scioglievano prima di posarsi a terra.

Visita agli Uffizi

Come vi dicevo, nel pomeriggio abbiamo programmato la visita agli Uffizi, il museo più importante e lungo di Firenze. È costituito da un percorso lineare e numerato, quindi addentrarsi negli Uffizi è semplicissimo. È possibile ammirare qui innumerevoli quadri suddivisi per sezione fra cui quelli di Leonardo, Caravaggio, Tiziano… È una passeggiata mooolto lunga e vi consiglio di prenotare il biglietto in anticipo per saltare la fila.

Per cena abbiamo optato per piatti tipici fiorentini da Buzzino: antipasto costituito da 4 bruschette condite con pomodori, crema al tartufo, crema di olive e peperoncino e infine crema di carciofi. Questo piatto è stato seguito da un tagliere di affettati e infine da una bistecca fiorentina divisa in 4. Dopo il percorso lunghissimo e stancante è stata una cena più che meritata!

QUARTO GIORNO A FIRENZE

Visita al Duomo, Campanile e Battistero

Il nostro ultimo giorno a Firenze è stato interamente dedicato al Duomo, conosciuto anche come Chiesa di Santa Maria del Fiore, e alle zone limitrofe.

Abbiamo iniziato con la salita al Campanile di Giotto perchè la fila era più scorrevole rispetto a quella del Duomo e il Battistero era ancora chiuso. Per salire al Campanile occorre salire quasi 500 gradini ed è un’impresa non indifferente. Per me, la cosa peggiore non è stata i gradini bensì lo spazio angusto, infatti ho notato che salendo lo spazio si restringe.

Scesi dal Campanile ci siamo immesse nella fila per il Duomo.

La nostra gita culturale è terminata con la visita al Battistero che offre una serie di affreschi legati al tema della religione.

Non potevamo andarcene senza mangiare un’ultima schiacciata, questa volta da Vinaino. Dopodichè, valigie alla mano pronte per tornare a casa.

Follow:

Viaggio a Verona: cosa visitare nel Centro Storico

Viaggio a Verona: cosa visitare nel Centro Storico

Lo scorso novembre ho avuto la possibilità di visitare Verona, in occasione di un colloquio di lavoro. Proprio perchè la priorità era il colloquio, la mia è stata una visita molto breve, di un unico giorno, ma, nonostante ciò, sono riuscita a vedere gran parte delle attrazioni offerte dalla città dell’amore. Ero già stata a Verona prima, in occasione della gita del quinto anno di liceo ma si sa, viaggiare con la scuola non è mai come visitare un luogo da soli.

Dove ho soggiornato a Verona

Durante la mia visita a Verona ho soggiornato presso il Montresor Hotel Palace, un hotel situato in una posizione strategica: dista poco dal centro storico e allo stesso tempo anche dalla stazione della città. Non sono mai stata in un hotel più bello e accogliente di questo! Nonostante ci fossero meno di 10 gradi all’esterno, la camera e l’intero hotel erano sempre super caldi! Dal momento che sono partita da Napoli Centrale di pomeriggio e sono arrivata a Verona dopo più di 4 ore di treno, le uniche cose che ho fatto ono state doccia e letto. Ero distrutta!

VERONA MONTRESOR HOTEL PALACE VERONA MONTRESOR HOTEL PALACE VERONA MONTRESOR HOTEL PALACE VERONA MONTRESOR HOTEL PALACE VERONA MONTRESOR HOTEL PALACE

Verona: Piazza Bra

La mattina dopo essere arrivati, io e mio fratello, con il quale ho condiviso questo viaggio, siamo partiti all’esplorazione di Verona. Ci siamo diretti immediatamente verso Piazza Bra, dov’è situata l’Arena di Verona. Siamo partiti abbastanza presto dal nostro hotel e, quando siamo arrivati in Piazza, ci siamo trovati davanti ad una Verona deserta. È stato bellissimo, c’era una calma e una tranquillità meravigliose! Piazza Bra offre un paesaggio mozzafiato, circondata com’è da palazzi barocchi.

Come vi dicevo, a Piazza Bra si trova anche l’Arena di Verona, l’attrazione principale della città dell’amore.

L'ARENA DI VERONA L'ARENA DI VERONA

Successivamente abbiamo proseguito attraverso via Mazzini, una strada (a mio avviso la più bella di Verona) costellata di negozi e piena di luce.

La casa di Giulietta

Da qui, attraversando vicoli veronesi, siamo arrivati alla famosa, famosissima casa di Giulietta. Da amante della cultura inglese sono innamorata di questo posto. In questa zona di Verona si trova il fantomatico balcone dove i due sfortunati amanti di Shakespeare si dichiaravano amore, insieme ad una statua di Giulietta in bronzo. Di fianco alla statua, in più, è presente una struttura su cui pendono tanti, tantissimi lucchetti dagli svariati colori che creano un gioco di colori fantastico per gli occhi! Però, prima di arrivare al cortile, sono presenti delle pareti su cui gli innamorati (o anche i single in cerca dell’amore) hanno scritto e continuano a scrivere dediche alcune delle quali, oggigiorno, a causa delle infinite sovrapposizioni, sono diventate illeggibili.

VERONA CASA DI GIULIETTA VERONA CASA DI GIULIETTA VERONA CASA DI GIULIETTA VERONA CASA DI GIULIETTA VERONA CASA DI GIULIETTA

La casa di Romeo

Quando sono stata la prima volta a Verona anni fa, non sapevo che nei paraggi ci fosse anche la casa di Romeo, o meglio, lo sapevo, ma non ha la stessa risonanza di quella di Giulietta, non avevo mai fatto caso alla sua presenza. Sapevate che Romeo, in realtà, si chiamava Cagnolo?!

VERONA CASA DI ROMEO VERONA CASA DI ROMEO VERONA CASA DI ROMEO

Le Arche Scaligere

Sempre addentrandoci nei vicoletti veronesi, abbiamo visto le Arche Scaligere, una serie di tombe e mausolei dove sono conservati i resti della famiglia da cui prendono il nome, la famiglia degli Scaligeri.

VERONA ARCHE SCALIGERE VERONA ARCHE SCALIGERE VERONA ARCHE SCALIGERE VERONA ARCHE SCALIGERE VERONA ARCHE SCALIGERE VERONA ARCHE SCALIGERE

Piazza delle Erbe

La nostra ultima meta è stata Piazza delle Erbe. Qui si trova la Torre dei Lamberti che, così come le Arche, prende il nome dalla famiglia che ne ha voluto la costruzione, ossia la famiglia dei Lamberti. È inoltre possibile salire sulla Torre per ottenere una visione panoramica della bella Verona!

VERONA PIAZZA DELLE ERBE

Spero che, nel caso voi vogliate visitare un giorno Verona, questa piccola “guida” possa darvi una mano.

Nel caso vogliate qualche informazione in più, non esitate a contattarmi al mio indirizzo email ([email protected]) oppure sui miei socil (link in alto)

A presto!

 

Follow:

Life updates: dove sono stata e cosa troverete sul blog nel 2018

Life updates: dove sono stata e cosa troverete sul blog nel 2018

Novembre 2017: in questo mese ho pubblicato il mio ultimo post sul blog. Fino ad oggi.

Perchè sono sparita?

Il motivo per cui ho deciso di prendermi una pausa dal blog (e un po’ dai social in generale) è stato, principalmente, la mia laurea. Un giorno stupendo, ricco di emozioni e circondato da affetti, proprio come lo volevo io. Ma un giorno del genere, un tale traguardo, porta con sè enormi cambiamenti e grandi dubbi.

“E adesso cosa faccio?”

Ho passato questi mesi a rendermi conto di cosa volessi fare una volta finita l’università, a cercare una sorta di identità, in parole povere a stabilire questioni importanti del mio futuro. Alcuni dubbi sono stati risolti, altri sono ancora qui, ma con determinazione cerco di accantonare anche quelli ancora in bilico.

Una delle sicurezze che ho è il mio blog, insieme ai miei social: mi appassiona troppo questo mondo per lasciarlo fuori dalla mia vita, perciò ho intenzione di portare avanti questa passione.

Cosa troverete sul mio blog per quest’anno?

  • MAGGIORE COSTANZA: la costanza sul mio blog è sempre stata un optional, bisogna ammetterlo. La mia priorità è sempre stato lo studio, ho sempre messo l’università al primo posto nella mia vita (com’è giusto che sia, a mio parere). Per quest’anno, però, mi pongo l’obiettivo di aggiornare con maggiore frequenza il mio blog, anche per farlo crescere.
  • RECENSIONI: le recensioni sono sempre state una costante sul mio blog, sono il tipo di post che più mi piace. Adoro leggere le opinioni di chi ha provato qualcosa che voglio provare anche io e, allo stesso tempo, mi piace comunicare le mie opinioni. Trovo che i post recensione siano molto utili.
  • GUIDE DI VIAGGIO: per quest’anno ho già in programma delle piccole fughe e ho intenzione di portarvi virtualmente con me, facendovi vedere i luoghi che visito e dandovi, magari, le mie opinioni sui migliori.
  • MAKEUP TUTORIAL: adoro creare e sperimentare e una novità che verrà introdotta nel mio blog è costituita da makeup tutorial.

Spero che quest’anno sia particolarmente produttivo e soddisfacente e che le nuove attività sul blog siano di vostro gradimento.

A presto e buon anno a tutti! (sebbene in ritardo)

Follow:

La White Chocolate Bar di Too Faced arriva da Sephora

La White Chocolate Bar di Too Faced arriva da Sephora

Una dolce, dolcissima novità in casa Too Faced: è arrivata la White Chocolate Bar!

Per il Natale 2017, Too Faced ha creato una collezione coloratissima e, fra le proposte, è presente anche questa palette: la variante bianca della iconica Chocolate Bar.

WHITE CHOCOLATE BAR

 

Il packaging

Il packaging esterno della White Chocolate Bar richiama a pieno il nome attribuito alla palette. Esso è, infatti, completamente bianco, fatta eccezione per i colori del marchio (fucsia) e del nome della palette (dorato).

All’interno, nella parte superiore, troviamo una struttura a strisce fucsia, rosa e bianca. Anche qui sono presenti sia il nome della palette che il marchio, entrambi color oro.

All’interno della White Chocolate Bar

All’interno della palette, ancora una volta nella parte superiore, è presente uno specchio di medie dimensioni, che non occupa tutto lo spazio disponibile, ma lascia dei bordi intorno a sè belli spessi.

Ma arriviamo al cuore della palette: gli ombretti.

La White Chocolate Bar è costituita da 16 ombretti opachi e shimmer, i cui colori spaziano da tonalità pastello ai classici nude: 14 cialdine presentano la forma quadrata tipica delle precedenti palette di Too Faced (fatta eccezione per la Chocolate Bon Bons, le cui cialdine sono a forma di cuore) mentre 2 hanno una forma rettangolare.

Gli ombretti

Come detto in precedenza, la White Chocolate Bar è composta da 16 tonalità, le quali contengono polvere di cacao ricca di antiossidanti. La descrizione della palette garantisce una formula setosa, quindi gli ombretti risultano facili da sfumare.

Queste 16 tonalità sono così distribuite:

  • Mint Chocolate: è un ombretto opaco color verde pastello
  • Glaze: è un ombretto opaco color panna
  • Cake Batter: è un ombretto opaco aranciato
  • Exotica: è un ombretto shimmer color champagne
  • Chocolate Syrup: è un ombretto opaco marrone chiaro
  • Pearl Candy: è un ombretto opaco bianco
  • Raspberry Rose: è un ombretto opaco rosa pastello
  • Indulge: è un ombretto shimmer color tortora
  • Lavender Cake: è un ombretto opaco color lavanda
  • Guilt-free: è un ombretto opaco grigio
  • Smoked Sea Salt: è un ombretto opaco grigio scuro
  • Frosted Apricot: è un ombretto shimmer rosa/aranciato
  • Cookie Dough: è un ombretto shimmer beige
  • Sugared Raisin: è un ombretto shimmer violetto con brillantini argentati
  • Black Sugar: è un ombretto shimmer nero con brillantini argentati
  • Banana Date: è un ombretto opaco nude

Un accorgimento degno di menzione: mettendo a confronto le immagini offerte dai vari e-store e le foto di coloro che hanno comprato la palette, ho notato che alcuni dei colori nelle immagini degli e-store appaiono diversi rispetto a come sono realmente. Quindi il mio consiglio è di guardare altre foto oltre a quelle di vendita, così da farsi un’idea su come realmente sono gli ombretti della palette.

Concludendo, penso che questa palette sia particolarmente adatta a chi ama e usa i colori pastello, essendo principalmente composta da questo tipo di tonalità. La trovo una palette specifica per questo periodo invernale, perché gli ombretti sono per lo più colori freddi.

Voi, invece, cosa ne pensate? La comprereste? Discutiamone nei commenti!

 

Follow:
Le immagini presenti in questo post sono state prese dal sito di Sephora Italia.

Novità in casa Sephora: arrivano i pennelli Sigma Beauty

Novità in casa Sephora: arrivano i pennelli Sigma Beauty

Novità in casa Sephora per questo novembre: sono arrivati i pennelli Sigma Beauty!

Riguardo il brand Sigma Beauty

Sigma Beauty nasce nel 2009 come brand di cosmetica focalizzato sugli accessori quali pennelli e strumenti per la loro cura. Rene Xaver Filho e Simone Xavier sono i due fondatori del brand, rispettavemente un ingegnere civile e un veterinario con un dottorato di ricerca in biologia molecolare. I due fondatori hanno unito le proprie menti e il loro sapere per creare un marchio di cosmetica basato sull’innovazione. Oggigiorno Sigma Beauty rappresenta uno dei brand di accessori più importanti ed estesi a livello globale.

La collezione Sigma Beauty: set di pennelli

Da questo novembre sono disponibili presso l’e-store di Sephora ben 14 set di pennelli. La collezione, però, non si limita ai soli set, infatti include anche degli accessori per la cura dei pennelli. Ma vediamola nel dettaglio.

Basic Face Kit

Il Basic Face Kit contiene 5 pennelli per il viso, adatti all’applicazione di prodotti in crema e in polvere.

BASIC FACE KIT SIGMA BEAUTY

Best of Brush Set

Il Best of Brush Set contiene i 7 pennelli più amati del brand, provenienti direttamente dal Best of Sigma Brush Set. Esso è costituito da pennelli per prodotti in crema e in polvere (per quanto riguarda il viso) e pennelli per gli occhi.

BEST OF BRUSH SET SIGMA BEAUTY

Travel Kit

Il Travel Kit contiene 7 pennelli estrapolati dall’Essential Kit e trasformati in una versione travel size per portarli sempre con sè.

TRAVEL KIT SIGMA BEAUTY

Premium Kit

Il Premium Kit è un set completo di 15 pennelli, ossia contenente accessori per ogni zona del viso.

PREMIUM KIT SIGMA BEAUTY

Sigmax Kabuki Kit

Il Sigmax Kabuki Kit è un set dedicato esclusivamente al viso, contenente 5 pennelli adatti a prodotti in crema e in polvere realizzati con svariate forme.

SIGMAX KABUKI KIT SIGMA BEAUTY

Essential Kit Mr. Bunny

L’Essential Kit Mr. Bunny contiene 12 pennelli di base (ossia quelli essenziali) per viso, occhi e labbra.

ESSENTIAL KIT MR. BUNNY SIGMA BEAUTY

Essential Kit Make Me Classy

L’Essential Kit Make Me Classy contiene 12 pennelli base per tutte le zone del viso, che si differenziano da quelli appartenenti al kit precedente per il colore.

ESSENTIAL KIT MAKE ME CLASSY SIGMA BEAUTY

Essential Kit

L’Essential Kit è un set di 12 pennelli di base per tutte le zone del viso, ossia occhi, labbra e viso.

ESSENTIAL KIT SIGMA BEAUTY

Basic Eyes Kit

Il Basic Eyes Kit contiene 7 pennelli dedicati completamente agli occhi.

BASIC EYES KIT SIGMA BEAUTY

Complete Kit Chrome

Il Complete Kit Chrome è un set completo, quindi contenente pennelli per ogni zona del viso. Gli accessori presenti nel kit sono 29.

COMPLETE KIT CHROME SIGMA BEAUTY

Complete Kit Copper

Così come il Complete Kit Chrome, anche il Complete Kit Copper è costituito da 29 pennelli per ogni zona del viso.

COMPLETE KIT COPPER SIGMA BEAUTY

Most-Wanted Brush Set

Il Most-Wanted Brush Set è un kit di 5 pennelli per il viso che sono tra i più venduti da Sigma Beauty.

MOST-WANTED BRUSH SET SIGMA BEAUTY

Highlight & Contour Brush Set

L’Highlight & Contour Brush Set contiene 7 pennelli per illuminare o creare ombre su parti specifiche del viso.

HIGHLIGHT & CONTOUR BRUSH SET SIGMA BEAUTY

Baking & Strobing Brush Set

Il Baking & Strobing Brush Set è l’ultimo set pennelli in vendita, costituito da 5 pennelli per il viso, utili alla creazione di un make-up senza difetti, sebbene dal finish naturale.

BAKING & STROBING BRUSH SET SIGMA BEAUTY

La collezione Sigma Beauty: accessori per la cura dei pennelli

Come vi dicevo in precedenza, la collezione proposta da Sigma Beauty non è limitata ai soli set di pennelli, bensì comprende anche accessori per la loro cura. Ad esempio:

Spa Express Brush Cleaning Glove

È un guanto per pulire i pennelli caratterizzato da manualità semplice, infatti è dotato di una cinghia di misura universale, quindi adatta a tutte le misure delle mani, da collocare intorno al pollice e al polso per tenere lo strumento ben fermo e garantire una pulizia facile e veloce.

SPA EXPRESS BRUSH CLEANING GLOVE SIGMA BEAUTY

2X Spa Brush Cleaning Glove

Così come il caso precedente, ci troviamo di fronte ad un guanto di pulizia per pennelli, tuttavia questa tipologia di guanto presenta due pollici garantendo un lavaggio ancora più veloce. Entrambi gli strumenti sono in silicone.

2X SPA BRUSH CLEANING GLOVE SIGMA BEAUTY

Dry’n Shape Tower Face & Eyes

Si tratta di uno strumento ideato per l’asciugatura dei pennelli, capace di tenere 44 pennelli alla volta.

DRY'N SHAPE TOWER FACE & EYES SIGMA BEAUTY

Dry’n Shape Spa

Anche questo è uno strumento per l’asciugatura dei pennelli, sebbene più piccolo del precedente, infatti può contenere fino a 18 pennelli alla volta. Risulta essere però così adatto al trasporto in viaggio.

DRY'N SHAPE SPA SIGMA BEAUTY

 Spa Express Brush Cleaning Mat

Altro strumento per la pulizia dei pennelli, ma questa volta non si tratta di guanti, bensì di un tappetino. È più piccolo rispetto alla versione originale, quindi risulta adatto al trasporto in viaggio.

SPA EXPRESS BRUSH CLEANING MAT SIGMA BEAUTY

Spa Brush Cleaning Mat

È l’ultimo prodotto offerto dalla collezione Sigma Beauty ed è anch’esso un tappetino specifico per la pulizia dei pennelli. Il tappetino include delle ventose sul retro che garantiscono un posizionamento stabile sul lavandino.

SPA BRUSH CLEANING MAT SIGMA BEAUTY

Voi conoscete il brand Sigma Beauty? Avete mai provato qualche suo pennello? Vi incuriosisce qualche set in particolare? Fatemi sapere nei commenti!

Follow:
Le immagini presenti in questo sito sono state prese dal sito Sephora Italia.

Royal Honey Essential Queen Cream | Recensione

Royal Honey Essential Queen Cream | Recensione

Già dai primi giorni d’autunno, la mia pelle ha iniziato a mostrare i primi segni di screpolatura dovuti al freddo. Per questa stagione ho deciso di provare una crema idratante di un brand che non ho mai avuto occasione di provare: Skinfood.

La protagonista del post di oggi è la crema idratante Royal Honey Essential Queen Cream: la sto provando ormai da metà settembre, ecco cosa ne penso.

Royal Honey Essential Queen Cream

La Royal Honey Essential Queen Cream è una crema idratante il cui ingrediente principale è il miele invecchiato di 60 giorni. Il barattolino contiene 62 ml di crema, ha una durata di 12 mesi dall’apertura ed è venduta dall’e-store Sephora al prezzo di 23,90€.

Cosa ne penso?

Partendo dal packaging, la crema è contenuta in un barattolino di plastica trasparente, sigillato da un tappo dorato, anch’esso di plastica. Sul davanti della confezione si trova il nome attribuito alla crema e il brand, insieme a una rappresentazione del miele che, come dicevo, è l’ingrediente di base della crema.

La crema in sè emana un profumo fortissimo di miele ed è costituita da una consistenza in gel, molto leggera, quasi acquosa. Questo tipo di consistenza garantisce un rapido assorbimento della crema e una stesura comoda e veloce sul viso. Personalmente sono solita stendere la crema la sera, prima di andare a dormire, così da lasciarla assorbire senza agenti esterni, e ne applico due strati.

Il mio parere riguardo questa crema è positivo: mi lascia la pelle idratata, morbida e lenita, aiutandola ad eliminare la screpolatura.

Voi avete provato questa crema, ne avete sentito parlare? Conoscete il brand, avete provato altri prodotti Skinfood? Discutiamone nei commenti!

Follow: